CI SIAMO.
Dopo anni di duro lavoro ed ostinate battaglie, è stato istituito il No-Kill per le tecniche mosca e spinning sul fiume Tronto nel tratto che divide in due la città di Ascoli Piceno. Ultimate le operazioni di tabellazione, pulitura sponde e ripopolamento, sarà possibile, presumibilmente all'inizio del 2007, pescare in tale tratto; lungo quasi quattro chilometri, che si va ad aggiungere alla riserva No-Kill già istituita anni or sono sul torrente Castellano. La lungimiranza dei dirigenti della provincia di Ascoli Piceno, coadiuvati dal locale club di pesca a mosca il " Fly Fisherman Club " affiliato U.N.Pe.M ha permesso di ottenere questo importante risultato. Il progetto che vede per l'appunto l'istituzione di queste aree di pesca a regolamentazione specifica, oltre ad essere uno stimolo per lo sviluppo e la ripresa della pesca nella provincia di Ascoli Piceno, si integra in un progetto di rivalutazione turistico-ambientale legato al parco fluviale del Tronto. Tale progetto prevede, come già ampiamente divulgato dalla stessa Provincia e dalla Regione Marche, la realizzazione di varie infrastrutture lungo le sponde e la bonifica di alcune aree adiacenti al fine di rendere fruibile questo bellissimo tratto di bacino fluviale che si estende dalla città di Ascoli Piceno fino alla foce in località Martinsicuro.

pescatore

Traduttore
Google


News








0